HOME > Free Trials > Activities > Read and Watch
Activity: Read and Watch

Il 13 agosto 2021 è mancato il dottor Gino Strada, chirurgo, filantropo, fondatore di Emergency.

Ci piace ricordarlo per il suo impegno contro le guerre, tutte le guerre, e per avere fondato molti ospedali nelle zone più difficili del mondo, incluso l'Afghanistan, per curare tutti senza distinzione di colore, genere, religione o fazione.

 

Conosci Gino Strada?

Sai cosa diceva sugli ospedali in zone di guerra?

Doctor Gino Strada, surgeon, philanthropist, founder of Emergency, passed away on August 13, 2021.

We like to remember him for his commitment against wars, all wars, and for having founded many hospitals in the most difficult areas of the world, including Afghanistan, to treat everyone without distinction of color, gender, religion or faction.

 

Do you know Gino Strada?

Do you know what he said about hospitals in war zones?


Gino Strada alla marcia per la pace Assisi 2002 fonte wikipedia

Doctor and surgeon Gino Strada at Assisi 2002 March for Peace
(source Wikipedia)

 

Share this activity:

Eccellenze italiane: Gino Strada

Molte persone hanno amato Gino Strada per la sua dedizione verso chi soffre e chi è ferito, e per la sua continua campagna contro le guerre. Altri lo hanno criticato definendolo esagerato, esaltato, moralista, addirittura sostenitore dei terroristi.

 

Parlando degli ospedali di Emergency, Gino Strada ha detto:

 

"...Qualcuno ci critica per i "particolari", i "lussi" non strettamente necessari alla sopravvivenza dei pazienti: le pareti affrescate nelle corsie pediatriche, la cura maniacale della pulizia, dei pavimenti lucidi, dei servizi igienici in cui si sente l'odore dei detersivi. Dicono che c'è sproporzione rispetto al livello del paese, alle devastazioni della guerra che segnano il territorio appena fuori il muro di cinta dell'ospedale. Ma perché? Costa poco di più mettere nel giardino bouganville, geranei e rose. E altalene. Costa poco e aiuta a guarire meglio...


...Uno dei principi della nostra organizzazione, che spieghiamo al personale medico e paramedico disposto a partire con noi, è semplicissimo: "Non si va nei paesi del cosiddetto 'Terzo mondo' a portare una sanità da Terzo mondo. Un ospedale va bene quando tu saresti disposto, senza esitazione, a ricoverarci tuo figlio, tua madre, tua moglie..."

 

Noi di CyberItalian siamo sostenitori di Emergency e abbiamo inserito Gino Strada fra i personaggi famosi che presentiamo nel nostro Corso di Lingua Italiana (lezione avanzata 11 - dove Pinocchio incontra Gino Strada e gli chiede "cosa fare nella vita").

 

Ascolta Gino Strada nella seguente intervista.

Se ti è utile, leggi la trascrizione e usa il dizionario.

Many people loved Gino Strada for his dedication to those who suffer and those who are wounded, and for his continuous campaign against wars. Others have criticized him as exaggerated, exalted, moralistic, even supporter of terrorists.

 

Speaking about Emergency's hospitals, Gino Strada said:

 

"...Someone criticizes us for the "details", the "luxuries" not strictly necessary for the survival of patients: the painted walls in the pediatric wards, the obsessive care of cleaning, shiny floors, toilets where you can smell the detergents. They say that there is disproportion to the level of the country, to the devastation of the war that marks the territory just outside the hospital wall. But why? It costs little more to plant in the garden bougainvillea, geraniums and roses, and have swings, it costs little and helps to heal better...

 

... One of the principles of our organization, which we explain to the medical and paramedical staff willing to work with us, is very simple: "You don't go to the countries of the so-called 'Third World' to bring Third World healthcare. A hospital works well when you would be willing, without hesitation, to hospitalize there your son, your mother, your wife..."

 

We at CyberItalian are supporters of Emergency and we have included Gino Strada among the famous people we present in our Italian Language Course (advanced lesson 11 - where Pinocchio meets Gino Strada and asks him "what to do in life").

 

Listen to Gino Strada in the following interview.

If it helps, read the transcript and use the dictionary.

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

 

 

Di seguito trovi le frasi pronunciate nel video:

 

Intervistatore: "Questa sera alla presenza di Rebus è Gino Strada.

 

Gino Strada: Buonasera.

 

Intervistatore: Benvenuto, grazie per avere accettato il nostro invito. Cosa pensi della guerra?

 

Gino Strada: Ma io penso che la guerra sia la più grande vergogna del genere umano. Penso che nel terzo millennio soltanto dei cervelli poco sviluppati possano continuare a ritenere che la guerra sia uno strumento accettabile. Chiunque [la guerra] l'ha vista, e mi riferisco ai nostri nonni, non solo alla nostra esperienza, insomma, è in grado di raccontare gli orrori. Io sono convinto che bisognerebbe riuscire ad abolire la guerra. Buttarla fuori dalla storia. E sono convinto che questa non sia un'opzione etica ma che sia una necessità vitale per questo pianeta; se la guerra non viene buttata fuori dalla storia degli uomini sarà la guerra a buttare fuori gli uomini dalla storia. Questa è una mia ferma convinzione."

 

 

e-Learning with a Heart: Take Italian lessons online!

 

Tutored CoursesSelf-Study Courses for independent students: available online 24 hours a day so you can log in and study anytime from anywhere. More...

 

Tutored CoursesTutored Courses if you need a structured and guided study: learn with the guidance of a tutor, get written correction and personalized feedback. More...

 

Private Lessons1to1 Private Lessons for a custom developed course conducted by a dedicated teacher via an interactive audio/video chat service. More...

 

FREE: Join our student group on Facebook and follow us on Twitter

 

Tell us if you like this activity and see you next week!