Activity: Read

Negli anni passati, alcuni dei pochi film italiani che hanno ottenuto un successo di pubblico negli Stati Uniti sono stati "Nuovo Cinema Paradiso", di Giuseppe Tornatore, "Mediterraneo", di Gabriele Salvatores e "Il postino" diretto da Michael Radford per Massimo Troisi. Le pellicole hanno incassato al botteghino rispettivamente tredici, sei e ventitrè milioni di dollari.

In the past years, some of the few Italian movies that were successful with the American public were "Nuovo Cinema Paradiso" by Giuseppe Tornatore, "Mediterraneo" by Gabriele Salvatores and "Il Postino" directed by Michael Radford for Massimo Troisi. These movies grossed 13, 6 and 23 million dollars respectively.

 

Film: pane e tulipani

Manifesto del film Pane e tulipani

di Silvio Soldini

 

Share this activity:

 

"Italian Cinema in the USA and Oscar" by Antonio Monda
Il clamoroso e inaspettato successo del "Postino" ha fatto del film il maggiore incasso di tutti i tempi di una pellicola non americana sul suolo statunitense, ma la cifra, pur ragguardavole, rappresenta negli standard hollywoodiani un entità assolutamene modesta: il costo medio di un film americano non indipendente si è assestato attualmente sui sessanta milioni di dollari, e ventitrè milioni incassati al botteghino rappresenterebbero per gran parte delle produzioni un disastro incolmabile. The glamourous and unexpected success of "The Postman" was the biggest profit ever for a non-American movie in the States. The amount, although considerable, is by Hollywood standards, a very modest one. The average cost of making a non-independent American movie is currently about 60 million dollars. 23 million of gross income would represent a disastrous flop for the majority of productions.
A prescindere dal loro rispettivo valore, i film hanno trovato una loro nicchia di mercato soprattutto per via dell’immagine dell’Italia che essi rappresentano per il pubblico straniero: un ritratto tranquillizzante nel quale abbondano gli scenari incantevoli, le atmosfere retró, l’arte di arrangiarsi, i buoni sentimenti e la possibilità della poesia. È esattamente ciò che il pubblico americano pretende dal cinema italiano, al quale viene consentito un proprio spazio vitale purché non proponga problematiche odierne o divenga lo specchio dei traumatici cambiamenti in corso attualmente in Europa. Esemplare a tale riguardo il caso di "Lamerica", lo splendido film di Gianni Amelio, osannato dai critici americani ma ignorato dal grande pubblico. Apart from their respective value, these movies found a niche in the market mostly because of the Italian image that they present to the foreign audience: a reassuring portrait where beautiful sceneries, retro atmospheres, the art of "do it yourself", positive feelings and the possibilities of poetry abound. This is exactly what the American audience expects from Italian cinema, which is allowed a certain space on condition that it does not represent current themes or does not become a mirror of the traumatic changes occurring in Europe. In this regard a perfect example is "Lamerica", the magnificent movie by Gianni Amelio, highly acclaimed by the American critics but ignored by the general public.

 

Una buona lista di oscar vinti da italiani:

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

 

I tempi in cui "La dolce vita" trionfava sugli schermi americani (i diciannove milioni e mezzo incassati all'epoca corrispondono ad ottanta dei giorni nostri) diventando un fenomeno di cultura e di costume, sembrano definitivamente tramontati, e oggi il dato di penetrazione dei film non di lingua inglese , si assesta intorno all'uno per cento. The time in which "La dolce vita" was a big hit in American theatres (19 1/2 million dollars in those days, equivalent to 80 million today), and became a cultural and fashionable phenomenon, seems to be definitely over. Today the market penetration of non-English movies is established at approximately one per cent.
C'è un aspetto nuovo sul quale riflettere, che non era presente al tempo in cui Fellini, Kurosawa e Truffaut riuscivano ad imporsi in America: l'espansione di un cinema statunitense indipendente di alta qualità (i fratelli Coen, Tarantino, Lynch…), che ha sostituito nel cuore dei cinefili il posto dei maestri asiatici ed europei. Anche per questo è un dato amaro vedere che attualmente ad Hollywood i registi provenienti dal resto del mondo sono richiestissimi (l'olandese Jan De Bont ha diretto "Speed" e "Twister", il tedesco Roland Emmerich "Indipendence Day"…), ma la condizione chiara che viene loro posta è quella di americanizzarsi al più presto. A new trend that did not exist at the time of the successes of Fellini, Kurosawa and Truffaut is the growth of a high quality American independent cinema (the Coen brothers, Tarantino, Lynch...), that in the heart of film lovers has taken the place of the Asian and European masters. This compounds the sad reality that directors from the rest of the world are in great demand in Hollywood (the Dutch Jan De Bont directed "Speed" and "Twister", the German Roland Emmerich "Independence Day"...), on condition that they become Americanized as soon as possible.