HOME > Free Trials > Activities > Read and Watch
Activity: Read and Watch
Usa la tua intuizione per capire il significato generale di questa lettura. Use your intuition to understand the general meaning of this text.
Usa il dizionario online per cercare il significato delle parole che non conosci. Use the online dictionary to understand the meaning of the words you do not know.
Il curriculum in video

 

professionista

 

Da La Repubblica

 

TRADIZIONALE O "SCENEGGIATO" ORA IL CURRICULUM VA IN VIDEO

 

Negli States il sistema è molto diffuso, in Europa e in Italia comincia a diffondersi.

 

L'esperienza di un concorso organizzato dal Consorzio Universitario di Pordenone.

 

BUONGIORNO, mi chiamo... Ho studiato... e ho lavorato tre anni come... Questo è quello che dice in genere un aspirante lavoratore, nella versione tradizionale primo piano o mezzo busto. In quelle più originali invece, a volte, le parole scorrono in grafica e le immagini sono ironiche, metaforiche. Creative. L'importante in ogni caso è che durino poco. Un minuto, massimo due. E il curriculum vitae versione video è pronto per essere inviato. O lasciato in Rete all'attenzione delle aziende. Anche il classico strumento per cercare lavoro varca la frontiera multimediale e cambia forma.

 

GUARDA ALCUNI VIDEO

 

Non più solo un elenco testuale di dati anagrafici, cose fatte e titoli, impresso nero su bianco. Ma un'immagine diretta, una presentazione in prima persona, dove al racconto biografico in viva voce si aggiungono espressioni, gesti, pose. Un corredo visivo che sembra diventare un valore aggiunto.

 

L'offerta internazionale. Negli Stati Uniti, ad esempio, il video Cv sta cambiando il mercato della ricerca-offerta di lavoro: il 60 per cento delle realtà aziendali ritiene che la video-candidatura diventerà a breve parte integrante del processo di selezione. E a conferma della tendenza ci sono da un lato l'aumento dei video fai-da-te su Youtube, dall'altro la realizzazione di veri e proprio portali dedicati alla raccolta dei file, come l'americano Vault.com (http://www.vault.com/index.jsp ) che ha indetto, tra l'altro, un concorso per cercare di definire le linee guida del buon video curriculum: lunghezza, veridicità dei contenuti, naturalezza delle esposizioni. Decine di siti (in ambito europeo numerosi sono spagnoli) offrono formazione su come preparare un videocurriculum e come distribuirlo.

 

E tra gli utenti, non ci sono solo persone in cerca di lavoro, ma anche imprese: l'idea infatti è promuovere la propria immagine e presentare perciò obiettivi imprenditoriali, percorsi di carriera e ambienti di lavoro. Il californiano Vator.tv - http://www.vator.tv/ è in questo campo un canale specifico: si rivolge soprattutto ai neoimprenditori o aspiranti tali e consente a chi ha una piccola impresa di farsi conoscere attraverso un filmato.

 

I pionieri italiani. "Gli americani sono un po' avanti in materia, ma in Europa si cominciano a muovere i primi passi. Noi in Italia per quello che sappiamo siamo i primi ad aver lanciato un progetto sui video curricula e vogliamo insistere perché il territorio è ancora abbastanza inesplorato". Enrico Sartor, direttore del Consorzio Universitario di Pordenone non mostra esitazioni e dopo l'esperienza di quest'anno, che ha visto un centinaio di ragazzi partecipare al primo concorso di video curriculum (organizzato con Pnbox.tv - http://www.pnbox.tv), rilancia; convinto che si tratti di uno strumento agile e immediato, facile da usare, utile a risparmiare tempo e denaro: "In 40 minuti, si possono vedere circa 40 profili, inoltre ai ragazzi basta usare un videofonino per presentarsi". Nei primi mesi del 2008 ci sarà la seconda edizione del concorso rivolta a tutti i laureandi e neolaureati italiani - annuncia Sartor - ci auguriamo una forte partecipazione e buoni risultati nella realizzazione dei video".

 

L'edizione 2007 è stata caratterizzata da una certa "disomogeneità", dicono gli organizzatori: c'è chi ha presentato un lavoro serioso, con immagini del candidato in giacca e cravatta che racconta le sue esperienze professionali e chi ha costruito piccole storie, montate con musica e immagini in movimento. Unico denominatore comune la durata: massimo 60 secondi. "Alcuni hanno riproposto il curriculum tradizionale - racconta Sara Mandalà, responsabile comunicazione e marketing di Pnbox.tv - altri hanno optato per scelte alternative. Ad esempio un ragazzo per dire che sapeva l'inglese ha fatto apparire il Big Ben di Londra alle sue spalle".

 

E alla fine proprio i video più alternativi hanno vinto: "Un ragazzo ha affidato a un orsacchiotto la presentazione del suo curriculum. E l'ironia è stata premiata. Chi trova un giusto mix tra i contenuti e il modo di trasmetterli risulta vincente" dichiara Sartor.

 

Resta da verificare se le aziende preferiranno il genere serio o quello faceto. "Molte imprese già ricercano curricula in formato video - nota Mandalà - gli attribuiscono un valore in più, perché offrono parametri d'analisi maggiori. Si vede la persona e il suo modo di porsi". Insomma, l'occhio che vuole la sua parte e gli effetti dell'immagine.