HOME > Free Trials > Activities > Read and Watch
Activity: Read and Watch
Antonio De Curtis, in arte Totò (1898 - 1967), è uno dei più famosi e amati attori italiani. Nato a Napoli, da bambino venne adottato dal marchese Francesco Gagliardi Foccas. Le parole "bazzecole, quisquilie, pinzellacchere" sono tipiche del linguaggio che Totò usava: ricercato, ma allo stesso tempo spontaneo e scherzoso. Antonio De Curtis, alias Totò (1898 - 1967), is one of the most famous and popular Italian actors. Born in Naples, as a child he was adopted by the Marquis Francesco Gagliardi Foccas. The words "bazzecole, quisquilie, pinzellacchere" (trifles, pipsqueak, pinzellacchere) belong to the language Totò used: refined, yet spontaneous and playful.

Famose le sue frasi in cui scambiava parole con altre parole per ottenere un effetto divertente. Questa è una delle sue battute: «Io sono parte nopeo e parte napoletano!» (il gioco di parole è con l'aggettivo "partenopeo" che vuol dire "napoletano").

In his sentences he would often exchange words with other words to get a funny effect. This is one of his jokes: "I am in part 'nopeo' and in part 'Neapolitan'." (The pun is with the adjective "partenopeo" which means "Neapolitan").

 

Toto - Miseria e nobilta

Dal film Miseria E Nobiltà


 

Share this activity:

"Totò, un grande attore" (parte 2) di Laura Caparrotti
DESCRIZIONE DEI FILM: FILM DESCRIPTIONS:

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

Dal film Fermo con le mani (la colazione di Totò)

 

Fermo con le mani
(1937, Gero Zambuto, 73m)
Stop Moving Your Hands
(1937, Gero Zambuto, 73m)
Già nei primi anni '30, Totò era diventato una figura di spicco nei teatri e negli spettacoli di varietà italiani e in maniera quasi consequenziale, approdò nel cinema. Il suo primo film è una chiara trasposizione sullo schermo delle scenette che lo resero così popolare nei teatri. By the early 1930s, Totò had become a leading figure in Italian theater and variety shows, so somewhat naturally the movies soon arrived. His first film is clearly a transposition on the screen of the sketches that had made him so popular on stage.

La trama:

 

In cerca di lavoro, Totò (il suo nome nel film) trova un posto, travestito da donna, in un salone di bellezza; dopo avere massaggiato una cantante famosa, viene scoperto e licenziato. In seguito, va nel teatro in cui la cantante si esibisce. In qualche modo ne diventa il direttore di orchestra e riesce a conferire un enorme successo allo spettacolo. Nel film ci sono dei fantastici momenti con vari attori di teatro famosi a quel tempo, fra cui Miranda Bonansea Garvaglia, la risposta italiana a Shirley Temple.

The plot:

 

Looking for work, Totò (his name in the film) gets a job at a beauty parlor disguised as a woman; after giving a famous singer a massage, he's discovered and fired. Later, he goes to the theater where the singer is performing, somehow becomes the orchestra conductor, and makes her show into a big hit. There are wonderful bits with several leading Italian theatrical performers, and a chance to see Miranda Bonansea Garvaglia, Italy's answer to Shirley Temple.

 

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

Dal film San Giovanni decollato

 

(Calzolaio lavora e canta)

 

San Giovanni decollato
(1940, Amleto Palmeri, 87m)
San Giovanni without head
(1940, Amleto Palmeri, 87m)
Inizialmente progettato per essere diretto dallo sceneggiatore e ideologo neorealista, Cesare Zavattini, (che collaborò alla sceneggiatura), questo fu il primo film in cui la natura del personaggio napoletano di Totò si scatenò. Attraverso il film troviamo i primi esempi degli sciogli-lingua alla Totò che sarebbero diventati la sua caratteristica nei lavori seguenti. Originally set to be directed by neorealist screenwriter and ideologue Cesare Zavattini - who did collaborate on the screenplay - this was the first film in which Totò's Neapolitan everyman persona was unleashed; throughout the movie there are prime examples of the tongue-twisting "Totò-isms" that would become a hallmark of his later work.

La trama:

 

La trama racconta di un uomo la cui eccessiva devozione verso l'immagine di San Giovanni Battista provoca l'ra della popolazione locale, fra amori, vecchie famiglie e una quasi surreale battaglia di piatti si ha un tour-de-force comicissimo.

The plot:

 

The plot is about a porter whose excessive devotion to an image of Giovanni Battista (St. John the Baptist) arouses the ire of the local residents. There are star-crossed lovers, feuding families and a crazed, near-surreal plate fight that's a comic tour-de-force.

 

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

Dal film Risate di Gioia (Capodanno in metropolitana)

 

Risate di gioia
(1960, Mario Monicelli, 106m)
The Passionate Thief
(1960, Mario Monicelli, 106m)
L'unico film in cui Totò abbia recitato con Anna Magnani, con la quale aveva lavorato in teatro. "Risate di gioia" riunisce questo duetto straordinario insieme al giovanissimo Ben Gazzara. The only film in which Totò acted with Anna Magnani - with whom he had worked in theater - the movie shows this extraordinary duo together with a very young Ben Gazzara.

La trama:

 

I tempi sono sempre duri a Cinecittà per la comparsa Tortorella (Magnani), ma specialmente alla fine dell'anno, quando semplicemente, non c'è lavoro. Con la speranza di raccimolare un gruzzoletto, la donna si unisce ad un altro attore disoccupato (Gazzara) e a un borseggiatore professionista (Totò) per raggirare gli ospiti di un veglione di Capodanno. Diviso fra l'umorismo e la commozione, "Risate di gioia" ci regala un Totò "clown bianco", con una vena di tristezza, la cui presenza aggiunge un tocco di disperazione all'azione.

The plot:

 

Times are always tough for Cinecittà extra Tortorella (Magnani), but especially at year's end, when there's simply no work. Hoping to improve her financial lot, she joins up with a fellow out-of-work actor (Gazzara) and a professional pickpocket (Totò) to fleece guests at a posh New Year's Eve party. Equal parts wacky humor and touching pathos, The Passionate Thief features Totò in his clown bianco (or sad clown) mode, whose presence always adds a hint of desperation to the action.

 

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

Dal film 47 morto che parla

 

- Ergo [quindi] a partire da oggi te ne viene di meno sul salario. E' chiaro? Vai, vai! E io pago, e io pago!

 

47 morto che parla
(1950, Carlo Ludovico Bragaglia, 89m)
47 - Dead man talking
(1950, Carlo Ludovico Bragaglia, 89m)
Adattato liberamente dal pezzo di Ettore Petrolini, con alcuni prestiti dal "Miserabile" di Molière, secondo il critico Ennio Bispuri, "47 morto che parla" è stato il primo film in cui Totò ebbe veramente un ruolo al di sopra del suo solito personaggio teatrale. Il film ebbe un successo di botteghino enorme, e l'anno della sua uscita fu visto da oltre 4.3 milioni di spettatori italiani. Freely adapted from the play by Ettore Petrolini - with some choice borrowings from Moliere's The Miser thrown in for good measure - 47 Talking Corpses was, according to critic Ennio Bispuri, the first film in which Totò played a character who was more than a stand-in for his well-known theatrical persona. A huge box office success, the film was seen by more than 4.3 million Italian spectators in its first year of release.

La trama:

 

Un misero barone (Totò), conserva i suoi averi in una cassetta di sicurezza nascosta, con l'intento di darne la metà per la costruzione di una scuola e l'altra metà per suo nipote Gastone. Tuttavia, l'amministrazione locale diventa impaziente di avere la metà che gli spetterebbe e con un sedativo, mette a dormire il barone, il quale, al risveglio, pensa di essere morto.

The plot:

 

A miserly Baron (Totò) guards his treasure in a hidden strong box, intending for half of it to go for the construction of a school and the other half to his nephew Gastone. The local administration, however, grows impatient for its share, and thus slips the Baron a sleeping potion; when the Baron wakes up, he's convinced he's dead.

 

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

Dal film Siamo uomini o caporali?

 

- Che giramento di testa...

 

Siamo uomini o caporali?
(1955, Camillo Mastrocinque, 94m)
Are We Men or Corporals?
(1955, Camillo Mastrocinque, 94m)
Il film presenta anche due momenti musicali in cui Totò canta. The film also features Totò in two musical numbers.

La trama:

 

Totò finisce in un ospedale psichiatrico per avere aggredito il direttore in carica delle comparse a Cinecittà, dopo che gli è stata rifiutata una parte. Nell'ufficio dello psichiatra, egli spiega la sua filosofia di vita: il mondo si divide in due parti, quella degli uomini semplici, i quali vengono regolarmente frustrati e provocati, e quella dei "caporali", la cui natura è tale da frustrare e provocare. La sua visione viene illustrata con il racconto delle sue disavventure, con dettagli esilaranti, al termine del quale lo psichiatra rilascia Totò dichiarandolo sano di mente.

The plot:

 

Totò ends up in an insane asylum for assaulting the official in charge of extras at Cinecittà, after he's been refused a part. At the psychiatrist's office, he explains his philosophy of life: the world is divided between regular men, whose destiny is to be frustrated and provoked, and the "corporals," whose nature is to frustrate and to provoke. His world view is illustrated by various misadventures performed in hilarious detail - a demonstration finally judged so convincing the psychiatrist declares that Totò must be mentally healthy.

 

 


This video is additional reference material and is not property of CyberItalian.
Should you have any problem viewing it, please notify us.
Thank you for your patience and collaboration!

Dal film I due colonnelli

 

I due colonnelli
(1963, Steno, 90m)
The Two Colonels
(1963, Steno, 90m)
Gli italiani hanno una fantastica tradizione di commedie contro la guerra (la più conosciuta delle quali è "La grande guerra" di Monicelli, con Sordi). "I due colonnelli" è un altro altissimo e ilare esempio di questa tendenza. Totò voleva un grande attore americano come co-protagonista e scritturò Walter Pidgeon, fresco del successo di "Advise and Consent". The Italians have a wonderful tradition of anti-war comedies - the best known perhaps being Monicelli's The Great War, with Sordi; The Two Colonels is another proud and hilarious example of this trend. Totò wanted a "big American actor" for his co-star, and he chose Walter Pidgeon, fresh from the success of Advise and Consent.

La trama:

 

Al confine fra Grecia e Albania, il controllo di una piccola cittadina passa di volta in volta agli inglesi e agli italiani così spesso che si arriva ad una certa stabilità. Gli abitanti continuano la loro vita e i due ufficiali in capo, Totò e Pidgeon, arrivano ad avere una relazione cordiale. Tuttavia le cose cambiano appena Mussolini è spodestato e arrivano sulla scena le truppe tedesche.

The plot:

 

On the border between Greece and Albania, the control of a small town passes back and forth between the British and the Italians so often that a certain stability is maintained; the townspeople simply go about their business, and the two commanding officers, Totò and Pidgeon, enjoy cordial relations. But everything changes once Mussolini is removed and German troops arrive on the scene.

Nota sull'autrice di questo articolo:
Laura Caparrotti è il Direttore Artistico e la fondatrice di KIT - Kairos Italy Theater.
E' anche la rappresentante internazionale della famiglia De Curtis.

Note on the author of this article:
Laura Caparrotti is the Artistic Director and Founder of KIT - Kairos Italy Theater.
She is also the representative of the Family De Curtis worldwide.

 

 

Post a comment below and "see" you on the next activity!